Giorgio Gaber, L’attesa

No, non muovetevi c’è un’aria stranamente tesa c’è un gran bisogno di silenzio siamo come in attesa. No, non parlatemi bisognerebbe ritrovare le giuste solitudini stare in silenzio ad ascoltare. L’attesa è una suspense elementare è un antico idioma che non sai decifrare è un’irrequietezza misteriosa e anonima è una curiosità dell’anima. E l’uomo in…

Pubblicità

Dorothy Parker, Una Telefonata

immagine da qui TI PREGO, Dio, fa’ che mi chiami adesso. Caro Dio, fa’ che mi chiami adesso. Non Ti chiederò nient’altro, dico davvero. E’ chiedere tanto? Sarebbe una cosuccia per Te, Dio, una cosuccia da niente. Fa’ solo che mi chiami adesso. Ti prego, Dio. Ti prego, Ti prego, Ti prego. Se non ci pensassi, magari il telefono…

A come Attesa

Felice Casorati, immagine da qui Spesso chi è seduto attende. Quella sedia diventa dunque un luogo fisico o immaginato dove il tempo e i desideri restano a mezz’aria, indecisi o arresi. C’è chi sta scomodo in attesa, si tormenta, cambia spesso posizione e si produce in tic e sgambettii. I più attendono attrezzati: qualcosa da…