Una sedia alla seconda

Henri Cartier-Bresson, Napoli, 1960
Sospese nel dubbio (cosa si dicono?), cogliamo l’occasione per proporre soprattutto ai nuovi lettori un percorso tra i nostri post in cui la fotografia è protagonista. Seguite il filo: sedie e fotografia.
Se poi siete ingordi, visitate il tumblr, sempre aggiornato.

Annunci

3 pensieri su “Una sedia alla seconda

  1. Sono rimasta basita da questa vicinanza fisica, dalla naturalezza nel farsi sedia e nel sedersi.
    Forse solo da adolescente ho sperimentato una confidenza simile, e mi stupisco del mio stupore!

  2. Sì, molto bella perché mi ha fatto scatenara un sacco di riflessioni.
    A proposito di sud: e gli uomini nordafricani che camminano per mano?

I commenti sono chiusi.