Fuori dall’uscio

immagine da qui

Un po’ è oblio, un po’ condizione scelta. Un po’ è un mettersi comodi e prendersi un lusso, un po’ non poter fare altro. Così mi sento, una sedia ‘n miezz’a via. Qui usavano, un tempo, ora non le vedo più, ho altre geografie.
Le sedie in miezz’a via le ho coccolate per anni, in quell’ora che è forse il crepuscolo. In termini attuali forse sarebbe l’ora dell’aperitivo. Ma quelle eran sedie di altri tempi. Tornando a casa dal mio laboratorio un po’ bottega un po’ cella di convento, attraversavo a piedi San Frediano. Quartiere popolare, quartiere di Pratolini. Dove forse resisteva ancora l’anima di una Firenze artigiana e viva. Sul marciapiede di via del Leone, gli usci aperti o accostati, le donne a sedere, a coppie, più spesso sole, eccezionalmente a tre o quattro. Per prendere il fresco, per riposare in compagnia dopo una lunga giornata. Per cianare. In nessun altro quartiere le ho viste, forse o anzi sicuramente per conformazione architettonica, che nel condominio non scendi con la tua sedia in strada, magari hai un terrazzo. Forse quelle casine basse ce l’hanno un giardinetto interno ma sull’uscio si vede chi passa, si fanno due chiacchiere. Allora è un po’ un lusso un po’ una scelta obbligata.

Annunci