Ore liete

Mi ci trovo per caso, una tappa veloce tornando a casa. Nel dedalo di strade mai esplorate, una casa del popolo. Locandina dei cinema, poster, cartelloni, fogli, comunicazione eccessiva e straripante. Condivisione, vissuto, radici. Al piano di sopra, dietro la porta dai vetri opachi, una grande sala. La musica è alta e lo spazio è tutto libero. Chissà, se ogni sera è così oppure giorno per giorno questo spazio si anima di lunghi tavoli, tombole, dibattiti. I festoni rallegrano e le ore liete sono fotografate dal murales a sfondo azzurro. Le due coppie che ballano mi ricordano la grafica dei figurini che arrivavano a casa. Sulla pista una coppia balla sotto lo sguardo vigile dei due insegnanti. Marito e moglie. Lei ha i piedi per terra. Lui è il farfallone. Coppia perfetta per volteggiare in equilibrio. Attorno, solo qualche sedia, dove mi siederei io, tappezzeria, io, gambe di legno, se ci fermassimo a lungo.

Annunci