La Rigidina

immagine da qui

Che paura deve avere, questa. Sulla sua poltroncina sta composta, impettita e dritta, assorbita dal monitor su cui scorrono le email. Vive il permesso di personalizzare il proprio spazio come un privilegio e allora si fa proteggere dagli sguardi vuoti dei santi e delle martiri messi in fila, raccolti o donati, ricordi di festività religiose, pellegrinaggi, colleghi piamente innamorati che le si rivolgono con parole sempre misuratamente affettuose. Affettuose, sì, ma distaccate, come si addice a mentori benevoli. Perché lei piace molto, “crescerà”, dicono tutti intendendo una moderata carriera. Tra i santi, piccola, una balena di bimbo (un nipote?), colorata fuori dai margini: un desiderio ancora da programmare.
Tutto il suo mondo sembra esser lì, non sgarra mai parlando dei propri interessi. Non si capisce, se ne abbia. Forse ha compartimenti totalmente stagni e quella che mostra è solo la fetta lavorativa, un’identità monca che siede impettita. Che ha le rotelle ma non le servono, non deve andar troppo lontano. Ha un raggio d’azione limitato, tutte le gioie e i dolori paiono scorrere intorno all’andamento dell’ufficio, in forma di numeri, procedure, contratti, protocolli, pratiche e formule burocratiche. A volte irrompe la chiamata di un qualcuno che lei chiama amore in modo quasi insistente, ciao amore ciao amore come stai amore, un amore ripetitivo e quasi petulante e che viene sempre per lo più sbrigato velocemente. Capita che ne parli, di questo amore, il suo tono è cinguettante ma guarda altrove. Più che sulle rotelle il piede della sua poltroncina mi pare inglobato da un enorme blocco di cemento, pesante ed immobile. Eppure lei andrà, carriera, famiglia, andrà. Tutta una vita con tono distaccato e professionale e cinguettanti slanci vuoti. A compartimenti stagni, scattando bizzosa sulle mancanze delle donne delle pulizie, la svagatezza del tecnico informatico, i mancati risultati degli addetti alla manutenzione, su tutto ciò che spettina, accalda, scompone la sua figura professionale e incrina la time table.
Annunci

2 pensieri su “La Rigidina

I commenti sono chiusi.