Enrico Marconi, Lagraficauccide per Measachair

Un giorno, son quasi due anni ormai, un’amica mi dice di aver vinto un paio di mutande usate in un giveaway. 
E’ così che scopro l’esistenza del Marconi e del suo blog, lagraficauccide.
Ci penso un po’, sì ne ho conosciute di persone provate, ma tanto, dalla grafica.
Ed è così che mi affeziono al Marconi.
Lui intanto si produce in molti post, sfidando anche i grandi con le sue provocazioni.
Cattelan, ad esempio, deve avere paura: di una vetrinista e del Marconi, pronto alla denuncia. Se aprite il link vedete che c’è una sedia pure lì.
Ma non è importante questo, oggi.
Guardate un po’, alla richiesta di un’intervista sulle sedie, L’Enrico come ci ha risposto

Strepitoso.
E badate bene, sembra da ridere. Ma come tutte le cose sue è pure intelligente.
Una roba che se io penso che quest’uomo non l’ho mai commentato in due anni, non sa nemmeno chi sono e ci regala una cosa così, che prima l’ha pensata e poi l’ha girata e poi l’ha montata apposta per noi, beh, io mi commuovo. 
Poi penso che la sedia è la connessione tra il culo e la terra e rido.
Poi ci ripenso.
E rido.
Ma…
Il contesto…
E dunque…
Grazie Enrico, ma proprio grazie di cuore. 
E a te non mettiamo solo il tag “interviste”, mettiamo pure “sedie d’artista”, che te lo meriti proprio.

(Se non credete alla storia delle mutande leggete qui.)

Annunci

7 pensieri su “Enrico Marconi, Lagraficauccide per Measachair

I commenti sono chiusi.